miss-reef

Miss Reef, la ragazza col culetto d’oro

In America Latina gli uomini hanno un chiodo fisso: el culito. Non c’è nulla da fare, lo adorano e le ragazze di conseguenza lo esibiscono come fosse un opera d’arte: mentre passeggiano, si chinano o si siedono a un ristorante . Cosa di meglio che dedicargli un’intera manifestazione, dove sguardi ed obiettivi vi rimangono puntati ininterrottamente?


Ci hanno pensato due fratelli argentini Fernando e Santiago Aguerre, fondatori di Reef, marchio  tra i leader nell’abbigliamento sportivo. L’idea iniziale è stata quella dei sandali a infradito, dedicati ai surfisti, e in seguito il loro business si è allargato a tutto il mercato del lifestyle sportivo. Non soddisfatti si sono domandati a metà anni ’90 se affiancare il loro celebre marchio a dei perfetti sederi a mandolino potesse essere un binomio vincente. E così è stato… un successone! Oggi il concorso Miss Reef, l’elezione della donzella con il fondo schiena più sexy, spopola sui social network. Basta digitare su YouTube le parole “Miss Reef” per trovare migliaia di video, ufficiali e non, dedicati a questa originale kermesse.

Un appassionato di sedere, il Maestro Tinto Brass, ha sentenziato meglio di chiunque altro: «È sempre meglio passare ai posteriori che ai posteri».

Annunci

One comment

  1. Tinto Brass ha dei gusti che coincidono coi miei a cominciare dalla passione per i culi(a proposito…bellissima l’inquadratura in Così fan tutte del culo della Koll…peccato poi sia diventata una specie di suora…) passando per quella del pelo e delle piogge dorate che sono elementi comuni dei suoi film!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...