Justine

Justine, De Sade

Riflessioni libertine su “La nuova Justine”

Chi ha deciso ciò che è bene e ciò che è male?
François de Sade ci insegna che la morale non esiste, è solo formalismo. I principi morali non sono altro che un’invenzione, diventata poi imposizione e introietta dagli esseri umani, che l’hanno fatta propria, ingannandosi fosse una loro predisposizione naturale, ingenita. Ma nel mondo sadiano il sistema morale sussiste solo in funzione dell’ordine sociale e viene quindi a mancare una sostanziale differenza tra vizio e virtù.
Il vizio potenzialmente potrebbe essere sì annientato ma è necessario alla società, tanto quanto le leggi morali. E infatti senza ciò che è considerato male come potrebbe sussistere il bene? Ecco perché Dio non cancella il peccato, ecco perché i capi di Stato non lo eliminano. Il bene per affermarsi ha bisogno del suo opposto, del suo gemello cattivo.

Ne La nuova Justine si narra la sorte di una ragazza, rimasta orfana appena adolescente, assieme alla sorella Juliette. Le loro strade però si dividono da subito: Juliette sceglie la fortunata via del vizio e Justine quella sciagurata della virtù.

(altro…)

Annunci