pornostar

jenna-jameson-pornstar

Le 5 migliori pornostar di sempre

5 MOANA POZZI

Fare porno in America è una cosa, diventare la più famosa pornoattrice in Italia è ben altro, specialmente a cavallo tra gli anni ’80 e i ’90.
Dopo aver girato scene per lo più amatoriali nel 1986 fu lanciata nel “porno che conta” da quello che diventò poi il re del porno nel nostro Paese, Riccardo Schicchi
La morte prematura, a soli 33 anni, e le incurisioni in terreni ostili per la sua professione, come la televisione o la politica l’hanno resa una leggenda, un mito di cui tutt’ora si fa un gran parlare.

moana-pozzi
4 GIANNA MICHAELS

Nota per il suo seno naturale esplosivo (34DD, ovvero una quinta!) e per la sua insaziabile voglia di… soddisfare i propri partner! Vedere per credere.

Gianna-Michaels
(altro…)

Annunci
Franco-Trentalance

A tu per tu con Franco Trentalance, il Federer del porno!

Dopo uno scambio di mail con la gentile Tatiana dell’ufficio stampa, entro finalmente in contatto con Franco Trentalance.
Invidiabile attore porno dalla lunga e brillante carriera, 18 anni per un totale di oltre 440 film! Franco, sembrerà strano ai più maliziosi, ha attirato la mia attenzione anche per altre sue doti, meno visibili. Ascoltando alcune sue interviste nel web mi ha colpita la sua perspicacia. Parla di porno, la sua «più grande passione», con una pacatezza e sincerità rare, evitando di cadere nel sensazionalismo o nel gossip. Franco ha all’attivo anche altre esperienza lavorative, oltre alla tv, alcune web serie, programmi radio e libri… è già arrivato al secondo! Dopo l’autobiografico Trattare con cura, è uscito da poco il suo primo romanzo Tre giorni di buio.

Sono le 11 di mattina e mi trovo all’università. Cerco un angolo dove i disturbi esterni siano i minori possibili e lo chiamo. Lui è in macchina ed è lieto di proseguire parte del suo viaggio in mia compagnia.
«Ti faccio i complimenti, ho visto il tuo blog ed è fatto bene. Si parla di cultura, informazione… mi è piaciuto! Il web è una giungla ma puoi provare a farti conoscere».
Un elogio inaspettato, con mia grande sorpresa!

Come è avvenuto l’avvicinamento con la letteratura, è stato un bisogno, un impulso?
«Di bisogni come sai nella mia vita ne ho avuto solo uno, che è quello che conosci molto bene (ride compiaciuto)! Tutto nasce dalla curiosità, la voglia di mettermi alla prova e di misurarmi con una nuova realtà. È stata una fatica! A me sarebbe piaciuto scrivere in un posto isolato, immerso nella natura, ma poi mi sono ritrovato a farlo sul treno, negli hotel… quindi tutto tranne Trentalance tra le colline, nella baita!»


Tre giorni di buio è stato scritto a quattro mani, assieme a Gianluca Versace. Come vi siete suddivisi il lavoro?
«Lo scheletro del romanzo lo abbiamo messo giù assieme, ci siamo visti tante volte. Abbiamo suddiviso i capitoli e infine, ed è stato il lavoro più impegnativo, omologato gli stili. Lui più descrittivo io più sintetico, abbiamo fatto un medley».

(altro…)